Oli essenziali bio e aromaterapia: la mini guida

Oli essenziali bio e aromaterapia: la mini guida

Federica StefaniniFeb 18, '19

Sono molto versatili e si prestano a vari utilizzi. Stiamo parlando degli oli essenziali. Se poi si tratta di oli essenziali bio, naturali al 100%, possiamo anche usarli in sicurezza per aromatizzare gli alimenti. Ma cosa sono esattamente e come vengono usati in aromaterapia? Scopriamolo assieme.

Oli essenziali cosa sono?

Gli oli essenziali sono sostanze altamente volatili in grado di raggiungere facilmente il nostro naso proprio in virtù di questa caratteristica. Si tratta di sostanze altamente pregiate che si possono estrarre da vari tipi di piante aromatiche, oppure dalle scorze degli agrumi.

Nonostante il nome, la struttura molecolare molto complessa di queste sostanze è diversa da quella degli oli vegetali. Si caratterizzano per essere volatili e solubili in alcol, ma non nell’acqua. Ogni vegetale ne contiene quantità differenti in base alla specie, al clima e al terreno in cui si è sviluppato.

Perché scegliere oli essenziali bio o da agricoltura biologica?

Quello che distingue gli oli essenziali bio dagli altri non è tanto la tecnica di estrazione, molto spesso uguale per tutti (corrente di vapore), ma la scelta delle materie prime. In questo caso si usano infatti solo ingredienti da agricoltura biologica, non OGM e non trattate da pesticidi.

Gli oli essenziali con ingredienti da agricoltura bio sono più "genuini", poiché non sono “edulcorati” con l’aggiunta di aromi sintetici e non contengono conservanti o coloranti.

Per questo motivo possono essere usati in sicurezza sulla pelle (per massaggi con oli vettori) oppure anche ingeriti (se si usano per aromatizzare le pietanze).

olio essenziale di lavanda

Oli essenziali e aromaterapia

Fin dall’antichità gli uomini provarono a estrarre aromi dalle piante per usarli a fini terapeutici. Sia gli Antichi Egizi che Greci e Romani sfruttavano infatti gli oli essenziali per scopi sia cosmetici che curativi.

Il termine aromaterapia risale però agli anni Venti. In questo periodo un chimico francese, René Maurice Gattefossé, studiando le applicazioni cosmetiche di queste sostanze, notò gli effetti benefici dell’olio essenziale di lavanda sulle ustioni.

Un altro studioso francese, Jean Valnet, approfondì l’uso terapeutico degli oli essenziali, e li sfruttò per curare le ferite dei soldati nel corso della seconda guerra mondiale.

Oggigiorno l’aromaterapia è una pratica olistica molto diffusa, che punta al raggiungimento del benessere mediante l’uso di essenze aromatiche.

In particolare, questa pratica si basa sul principio in base al quale la percezione di determinati odori è in grado di coinvolgere la nostra sfera cognitiva, la memoria, l’emotività e anche il sistema immunitario.

In aromaterapia vengono inoltre sfruttate le proprietà cicatrizzanti, purificanti, tonificanti e antisettiche di queste sostanze naturali.

diffusore di aromi essenziali bio

Oli essenziali come agiscono?

Gli oli essenziali, dopo essersi volatilizzati, stimolano le terminazioni nervose del nostro naso. Queste terminazioni inviano un messaggio al sistema limbico (responsabile della memoria e delle emozioni) e poi all’ipotalamo, regolatore del sistema ormonale.

Oli diversi generano stimoli differenti e, di conseguenza, reazioni specifiche del sistema limbico e dell’ipotalamo.

Ecco perché l’inalazione di oli essenziali diversi è consigliata sia per stimolare specifici stati emotivi sia per affrontare alcuni disturbi delle vie respiratorie e non solo.

Per esempio esistono oli specifici per:

  • il rilassamento
  • favorire l’energia/buonumore
  • l’equilibrio emotivo
  • favorire il sonno
  • aumentare la concentrazione
  • liberare le vie respiratorie
  • stimolare la digestione

Oli essenziali come usarli

Come accennato gli oli essenziali si prestano a vari tipi di utilizzi. In generale si fa distinzione tra:

  • Uso esterno: per massaggi, diffusione ambientale mediante un diffusore o brucia essenze, inalazioni, pulizia del corpo e anche della casa, profumazione della biancheria o dei cassetti.
  • Uso interno: diluiti in acqua o si possono usare anche come collutori o per gargarismi. Oppure si aggiungono alle ricette per aromatizzare gli alimenti. In caso di assunzione “terapeutica” è molto importante seguire le indicazioni di un esperto (naturopata, omeopata, erborista ecc.)

Oli essenziali Bioalma: mix aromatici per tutti

Bioalma ha deciso di realizzare mix aromatici a base di oli essenziali, per soddisfare i diversi gusti e le esigenze dei suoi consumatori.

Queste esclusive miscele sono al 100% pure e naturali e realizzate mediante sole materie prime da coltivazione biologica.

Si possono usare nei brucia essenze per profumare gli ambienti, ma anche nel bucato, per massaggi aromatici o per deodorare armadi e cassetti.

mix di oli essenziali bio Bioalma

La piramide olfattiva degli oli essenziali Bioalma

I 4 mix aromatici Bioalma hanno “personalità” distinte e piramidi olfattive diverse.

Le essenze che compongono la piramide olfattiva sono, per convenzione, suddivise in 3 categorie.

  • NOTE DI TESTA: sono quelle che percepisci subito, ma che hanno anche una durata minore (fino ad alcuni minuti)
  • NOTE DI CUORE: le senti subito dopo le note di testa e possono durare qualche ora. Si tratta in genere di essenze avvolgenti e sono proprio quelle che caratterizzano la fragranza.
  • NOTE DI FONDO o DI BASE: la loro durata si protrae a volte anche per un paio di giorni. Sono quelle che percepisci per ultime e che spesso danno “personalità” all’aroma. A volte sono usate come “fissanti naturali”, perché stabilizzano le essenze più volatili.

Nei profumi, così come nei mix di oli essenziali, non sono necessariamente presenti tutti i tipi di note. L’importante è che i diversi aromi si fondano assieme in modo armonico.

Scopriamo ora assieme la piramide olfattiva dei mix Bioalma.

  • ENERGY
    • Note di testa: arancio dolce (45%)
    • Note di cuore: lavanda intermedia (20%), rosmarino (20%)
    • Note di fondo: zenzero (15%)
  • HARMONY
    • Note di testa: arancio dolce (50%)
    • Note di cuore: lavanda intermedia (20%)
    • Note di fondo: ginepro foglie (20%)
  • MOUNTAIN BREATH
    • Note di testa: eucalipto 30%), limone (20%)
    • Note di fondo: pino mugo (50%)
  • PURITY
    • Note di testa: limone (30%), eucalipto (10%), arancio dolce (10%), menta piperita (5%)
    • Note di cuore: lavanda intermedia (35%), Issopo (10%)

piramide olfattiva oli

Ora che li conosciamo meglio non resta dunque che provarli, diffondendoli nell’ambiente o usandoli per profumare cassetti, armadi o il bucato. Oppure, perché no, per conferire un aroma speciale alle creme o agli oli da massaggio.